La pattuglia di frontiera trattiene 3 bambini cittadini statunitensi in viaggio in Messico

Foto: Pexels/@padrinan


Gli agenti della dogana e della pattuglia di frontiera (CBP) hanno arrestato tre ragazze per circa 13 ore all'aeroporto internazionale di Chicago O'Hare dopo aver viaggiato con un cugino dal Messico giovedì. Le ragazze, di 9, 10 e 13 anni, sono state arrestate intorno alle 3 del mattino di giovedì mattina, secondo WGN9 . Le ragazze avevano le scartoffie necessarie ma la loro cugina non era cittadina statunitense.

Ufficiali della dogana e della protezione delle frontiere statunitensi ha tentato numerose volte oggi di raggiungere i membri della famiglia per prendere i bambini, ha detto un portavoce del CBP La collina , notando che la madre delle ragazze le è venuta a prendere alle 16:00. senza incidenti. Il loro cugino è un cittadino messicano ritenuto inammissibile anche se non è stata fornita alcuna motivazione per ciò, e ciò ha portato alla detenzione delle ragazze. Secondo il Chicago Tribune , Il CBP ha detto che i bambini hanno ricevuto cibo e bevande mentre erano detenuti in aeroporto . Un funzionario del Consolato messicano ha aiutato a raggiungere un accordo affinché la madre delle ragazze, Silvia, potesse prenderle senza preoccuparsi di essere presa in custodia poiché non è cittadina.

Ero davvero spaventata, ma ho reagito e ho pensato, abbiamo dei diritti e ho chiamato il consolato messicano, ha detto al Chicago Tribune in spagnolo. Ringrazio Dio di aver preso quella decisione. Mony Ruiz-Velasco, del PASO West Suburban Action Project, è l'avvocato della famiglia e ha affermato che non avrebbe dovuto richiedere così tanto sforzo per il rilascio dei bambini detenuti sotto la custodia della madre. Ruiz-Velasco ha detto di aver ricevuto una lettera autenticata firmata dalla madre che gli permetteva di portare le ragazze a casa, ma i funzionari non le avrebbero rilasciate fino all'arrivo della madre.


Il Tribune riferisce che la madre ha anche mandato il figlio e la nuora, cittadina statunitense, a prendere le ragazze, ma sono state respinte. Gli attivisti che si sono precipitati all'aeroporto affermano che la loro detenzione era in realtà un mezzo per arrestare i loro genitori privi di documenti quando sono arrivati ​​a prenderli. Il rappresentante degli Stati Uniti Jan Schakowsky, che era già in aeroporto, si è recato all'ufficio del CBP dopo aver appreso cosa era successo. Sento che è una specie di rapimento di bambini da parte del nostro governo, e sono davvero stufo di quello che stiamo facendo, ha detto Schakowsky al Tribune.

Cercherò di entrare e vedere perché il nostro governo si sta comportando in questo modo nei confronti di tre minori che hanno tutto il diritto di viaggiare, ha detto Schakowsky prima di entrare nell'ufficio della dogana e della protezione delle frontiere. Tre cittadini degli Stati Uniti d'America. Cosa sta succedendo qui? Questo è completamente fuori controllo. La detenzione di questi bambini - quando non avevano motivo di essere detenuti - è un altro esempio di come le politiche sull'immigrazione dell'amministrazione Trump e la crisi al confine stiano colpendo tutti i bambini. All'inizio di questo mese, è stato riferito che un 3 -alla bambina di un anno è stato chiesto da un agente di pattuglia di frontiera di scegliere quale genitore sarebbe rimasto con lei negli Stati Uniti e che sarebbe costretto a tornare in Messico. I dati del censimento del 2009-2013 hanno rilevato che ci sono 4,1 milioni di cittadini statunitensi di età pari o inferiore a 18 anni che vivono con almeno un genitore privo di documenti. Il L'American Immigration Council riferisce che l'ICE ha emesso più di 200.000 ordini di espulsione tra il 2010 e il 2012 per i genitori che dichiarano di avere figli cittadini statunitensi.

Anche se a quanto pare questa non era un'esca e una detenzione per interruttori, con il recente Incursioni del GHIACCIO e la crisi del confine, c'è un accresciuto senso di paura tra le comunità di immigrati e ora sembra colpire direttamente i bambini ancora di più.

Articoli Interessanti