By Erin Holloway

Perché è importante comprendere la differenza tra razzismo e pregiudizio

Foto: Unsplash/@koshuuu


Secondo uno studio del Pew Research Center del 2016 condotto prima che Trump diventasse presidente, quasi il 40 percento degli americani bianchi crede che gli Stati Uniti abbiano apportato i cambiamenti necessari e si adopera per dare alla comunità nera gli stessi diritti dei bianchi. Tuttavia, quattro neri su dieci dubitano ancora che gli Stati Uniti raggiungeranno mai l'uguaglianza razziale. Molti erano e sono ancora scettici sul fatto che il paese sarà in grado di apportare i cambiamenti necessari per raggiungere l'uguaglianza razziale e questo perché la comunità nera comprende gli impatti radicati del razzismo sistemico. Questo non deve essere confuso con il pregiudizio, ci sono grandi differenze tra i due e la distinzione è significativa.

Il pregiudizio è una forma di discriminazione basata sull'ignoranza ma priva di potere sistemico e strutturale. La discriminazione nei confronti di qualcuno in base alla classe sociale, alle capacità fisiche o all'orientamento sessuale è ancora disumana, ma non è sistemica in quanto non influisce sul sostentamento o sull'accesso alle risorse di questa persona, afferma la professoressa Miguelina Rodriguez, che insegna sociologia e studi urbani al LaGuardia Community College del CUNY a New York. Con il razzismo, è più sistemico a causa delle strutture di potere in questo paese. Questo è un paese gestito da uomini eterosessuali, cisgender, protestanti e facoltosi e per questo i bianchi tendono a beneficiare maggiormente delle strutture di potere esistenti rispetto alle persone di colore.

Queste strutture sistemiche sono predisposte intenzionalmente per impedire che le comunità di colore si alzino. Ad esempio, il razzismo lavora per impedire l'accesso di un POC a risorse come l'istruzione, l'assistenza sanitaria o l'alloggio. Può anche aumentare il rischio di essere vittima della brutalità della polizia. Ed è dannoso a diversi livelli.


Il pregiudizio è meglio descritto come una nozione o un'opinione preconcetta che NON è basata sulla ragione o sull'esperienza reale. Penso che il miglior esempio di questo sarebbe il pregiudizio della maggior parte delle persone contro i senzatetto. Si basa su una percezione di come gli individui finiscono in quella situazione senza comprendere i molti fattori che provocano i senzatetto, tra cui la povertà e la malattia mentale, afferma la psicologa, la dott.ssa Angelina Morales. Il razzismo può includere pregiudizi ma anche discriminazione e antagonismo. Questo si basa esclusivamente sulla razza dell'altra persona ed è costruito sulla convinzione che la propria razza sia superiore. Un esempio potrebbe essere una persona bianca che maltratta una persona di colore basandosi esclusivamente sul fatto che l'altra persona è una persona di colore.

La questione se una persona di colore possa essere razzista o meno nei confronti di un'altra persona di colore viene spesso sollevata, specialmente all'interno della comunità Latinx, dove il colorismo e il pregiudizio sono ancora molto diffusi. Si potrebbe sostenere che una persona Latinx non bianca potrebbe essere pregiudizievole nei confronti di un'altra persona di colore ma non necessariamente razzista.

Non credo che qualcuno possa essere razzista nei confronti di un'altra persona della sua etnia, ma può certamente essere prevenuto. Penso che sia evidente nel modo in cui alcune minoranze che hanno la pelle più chiara credono che una persona dalla pelle più scura non sia brava come loro, dice il dottor Morales. Tuttavia, solo perché due persone di colore sono entrambe minoranze, ciò non significa che non si possa pensare che la loro etnia sia superiore. Sento che quando le persone di colore si prendono di mira a vicenda in base alla razza o in base al colore della pelle, questo è un aspetto radicato della loro cultura particolare, ma questo allude anche a sentimenti di disgusto per se stessi che vengono proiettati su altre persone di colore.

Rodriguez lo scompone spiegando che ciò che lo rende razzismo è se la persona può o meno influenzare l'accesso dell'altra persona a sistemi e strutture che danno loro potere o privilegio.

Tecnicamente una persona di colore non può essere razzista nei confronti di un'altra persona di colore. Possono essere pregiudizi, meschini, meschini e loschi, ma non razzisti a causa della struttura del potere, dice. Anche una persona ricca di colore che discrimina un'altra persona di colore non è tecnicamente considerata razzismo perché anche quella persona ricca di colore non ha ancora il potere di un bianco della classe media. In questo paese la razza vince la classe.


È lo stesso motivo per cui una persona di colore non può essere razzista nei confronti di una persona bianca. Una persona di colore che ha pregiudizi nei confronti di una persona bianca non è sistemica. Non è strutturale. Questa persona di colore non sta violando il sostentamento della persona bianca perché non gli impedisce di trovare un lavoro, di ottenere una casa o di accedere a una migliore istruzione, aggiunge Rodriguez. Rispetto all'impatto di una persona bianca che è razzista contro una persona di colore, questo è sistemico. Quella persona bianca ha un livello di potere che può inibire la capacità [di una persona di colore] di avere accesso a risorse che influenzeranno il loro sostentamento e quello della loro famiglia.

Il razzismo è molto più di pregiudizio o odio. È letteralmente integrato nei sistemi. Nel caso particolare degli Stati Uniti, il razzismo è intessuto nelle fondamenta di questo paese.

Se guardiamo al modo in cui venivano trattati i nativi americani. Se guardiamo al modo in cui venivano trattati gli schiavi africani. Se guardiamo al modo in cui vengono trattati gli immigrati di colore. È molto radicato nell'odio ed è molto sistemico perché viene utilizzato un modello patriarcale molto eurocentrico anche nel modo in cui è organizzata la nostra educazione, dice Rodriguez. I bianchi sono molto visti come salvatori. Se pensi a come ci viene insegnato che Christoper Columbus ha scoperto l'America, questo è il razzismo sistemico al suo meglio. Ci viene insegnato che Cristoper Columbus ha scoperto l'America e tutti questi uomini bianchi hanno scoperto tutto e non ci hanno insegnato i progressi che i gruppi indigeni avevano già fatto nell'America centrale e meridionale e in alcune parti dell'Africa e dell'Asia. Potrebbe non essere necessariamente odioso, ma è sistemico in un modo che rende invisibili le persone di colore.

In altre parole, il razzismo, anche quando è fatto inconsciamente, contribuisce alle disuguaglianze strutturali che non solo affliggono la nostra società, ma hanno un impatto sul reale sostentamento delle comunità di colore. Ha un impatto su tutto, dalle prospettive di lavoro, a dove siamo in grado di vivere e acquistare case, o se abbiamo accesso a un'assistenza sanitaria di buona qualità. Il pregiudizio è terribile e dovremmo tutti combatterlo, ma non è necessariamente consequenziale come il razzismo.

Il razzismo sistemico funziona in un modo molto visivo. Siamo stati condizionati a discriminare le persone in base al fenotipo, afferma Rodriguez. Come professore di studi urbani, imparo e insegno che i valori delle proprietà diminuiscono in modo significativo semplicemente per la presenza di uomini di colore dalla pelle scura. E aumentano notevolmente per la presenza di uomini bianchi. Ad esempio, molti di questi hipster bianchi che vediamo vivere a New York sono al verde, tuttavia, la loro sola presenza fa aumentare il valore della proprietà in un quartiere e dà a molti proprietari e sviluppatori molta più fiducia nell'investire in quel quartiere. Quindi ristrutturano case, ristrutturano edifici, aprono nuove caffetterie semplicemente per la presenza di corpi bianchi.


Ciò che alla fine distingue il razzismo dal pregiudizio è che il razzismo, a differenza del pregiudizio, ha avuto un impatto e continua ad avere un impatto su leggi e sistemi che danneggiano profondamente le persone di colore anche oggi. Questi sistemi sono ancora impostati in un modo che può avere un grande impatto sulla capacità di un POC di prosperare nella società. Potremmo aver fatto progressi su questo fronte, ma c'è ancora molto lavoro da fare.