Perché dobbiamo smettere di riferirci agli afro-latinx come 'altri latini'

Afro-latino HipLatina

Foto: Unsplash


Essendo Nero in uno spazio Latinx è di progettazione un'altra esperienza.Solo quanto sei melaninato, o stretto e naturalmente i tuoi ricci, determinerà quali domande verranno incanalate a modo tuo. Da adulto, ora so che questi tentativi di quantificare quanto sono latina e persino di convalidare la mia esistenza in detti spazi sono irrispettosi e a dir poco tossici.

Ricordo di aver partecipato a uno dei miei primi eventi per blogger rivolti ai blogger Latinx nel 2014. C'erano molti blogger presenti e mentre vedevo diversi volti familiari, ero ansioso di incontrare nuove persone.

Dopo un panel, ho iniziato a chattare con due blogger che non avevo mai incontrato sulle informazioni discusse dai membri del panel. È andato tutto bene finché non mi è stato chiesto, da dove vieni? Sono nato negli Stati Uniti, ma i miei genitori sono nati in Honduras che condividevo. Quando l'ho menzionato, ho potuto dire che uno dei blogger è rimasto sorpreso. Ho preso il suo shock come un segno che non aveva incontrato molti centroamericani. Mi è stato chiesto se sono dominicano e cubano, tra le altre nazionalità, ma questo è stato fino a quando non ha pronunciato la sua domanda successiva: quale dei tuoi genitori è dell'Honduras?

Ora sono stato espulso perché ho chiaramente articolato che entrambi provenissero dall'Honduras. Ero anche seccato di dovermi ripetere perché sono certa che mi abbia sentito la prima volta. Ma c'era una riluttanza ad accettare che potevo anche essere latina, come lei, e una donna nera.


Sono stato in troppe conversazioni in cui dopo aver scoperto il mio cognome, che non è un qualificatore per l'esistenza di Latinx, tra l'altro, mi è stato chiesto di provarlo di nascosto. Molti latini bianchi e persino marroni hanno un modo per provare a smentire la tua intera esistenza come latini neri. La mia tattica preferita, passare la conversazione in spagnolo per vedere se riesci a tenere il passo. Inoltre non è un qualificatore, e il contrario, parlare con una persona afro-latina in inglese quando la conversazione si svolge in spagnolo, è altrettanto ignorante.

Anche se nessuno mi ha chiamato in faccia in modo sfacciato altra o non latina (tranne per la volta che ho avuto un avanti e indietro con un compagno di classe che ha detto che non ero spagnolo, che era usato in modo intercambiabile con Latinx in passato) le loro azioni hanno stato abbastanza. Tuttavia, ho sentito da altri che l'hanno assistito verbalizzato in prima persona.

Ricordo di essere stato a una cena di settore una sera con un tavolo pieno di giornalisti e blogger latini,Johanna Ferreira (Vicedirettore di HipLatina)ricorda. Uno di loro ha detto che era panamense e di Miami. Le ho detto che c'è un'enorme comunità panamense a New York, in particolare Brooklyn, e poi sono stato interrotto da un'altra latina (una mia amica) che diceva: 'No, ma i panamensi di New York sono diversi'.

È abbastanza chiaro cosa si intendesse per diverso. Fu in quel momento che vidi con quanta facilità le latine, anche marroni e identificandosi afro-latine, escludono le latine che sonodalla pelle più scura dalla comunità nel suo insieme, ha continuato. BDenunciando il razzismo, metteva a disagio quelli al tavolo ma, a prescindere, era necessario.


Il tentativo di cancellazione ha conseguenze molto reali. Sì, stiamo vedendo maggiore visibilità sui media in lingua spagnola con donne come Ilia Calderon ora in prima serata su Univision a fianco Jorge Ramos , e amara il nero introducendo l'identità afro-latina a un nuovo pubblico. Ma stiamo ancora grattando la superficie. Mentre altro significa mancanza di visibilità negli stati, significa oppressione e danni fisici per gli afro-latini dell'America Latina e dei Caraibi. Proprio all'inizio di quest'anno, attivista e consigliere queer per i diritti umani Marielle Franco è stata giustiziata per la sua posizione sulle ingiustizie e per essere una donna brasiliana nera vocale.

Centrare l'identità e le preoccupazioni afro-latine nei media, così come in altri spazi prevalentemente bianchi (latini), ha creato spazio per noi per discutere del razzismo che esiste all'interno della nostra comunità. Tuttavia, a volte, può ancora limitare la conversazione e, in definitiva, la rappresentazione a uno spazio prestabilito. La richiesta di riconoscimento si è trasformata in tokenizzazione e persino separazione dall'identità Latinx.

L'ho visto in prima persona quando si tengono panel sull'identità Latinx ospitati da organizzazioni o conferenze Latinx e l'intero panel è bianco. Per alcuni, la soluzione è ospitare un panel tutto afro-latino come se le due identità non potessero essere presenti sullo stesso panel, discutendo di identità, attivismo, politica, arte, intrattenimento o qualunque sia l'argomento in questione.

Fidati, questa non è una chiamata per scegliere me (noi). Siamo esistiti per decenni senza riconoscimento. Termini come Afro-latino/a/x sono nate da una mancanza di rappresentanza e da una richiesta di riconoscimento specificamente nel contesto di Latinidad negli Stati Uniti. Abbiamo formato il nostro spazi sicuri , di persona e online, per cura di sé e sopravvivenza.


La richiesta è semplice: controlla il tuo anti-nero. Proprio come ti godi l'africanità dei cibi latini, della musica (spunti salsa, merengue, bachata, tango e reggaeton, solo per citarne alcuni), della danza e dell'arte, riconosci le persone che hanno reso Latinidad quello che è oggi.