By Erin Holloway

Perché l'onesta confessione di suicidio di Gisele Bündchen è così importante da ascoltare per i Latinx

Foto: Instagram/gisele


Abbiamo fatto un po' di progressi ma non ne parliamo ancora abbastanza salute mentale nella comunità Latinx . Sebbene sempre più celebrità latine in questi giorni si siano aperte su alcune delle loro lotte con depressione, ansia e altri disturbi mentali, nel tentativo di far luce e superare lo stigma sulla salute mentale che ancora esiste nelle nostre comunità. La top model brasiliana Gisele Bündchen potrebbe sembrare che abbia letteralmente tutto: una carriera di modella di successo, un bel marito quarterback, due splendidi bambini e viaggi senza sosta - la sua vita è tutt'altro che perfetta. Le sue lotte sono reali come quelle di chiunque altro. Infatti, nel suo nuovo libro di memorie, Lezioni: il mio percorso verso una vita significativa , Bündchen parla delle sue lotte con la salute mentale e di come hanno quasi portato al suicidio.

Le cose possono sembrare perfette all'esterno , ma non hai idea di cosa stia realmente succedendo, ha detto a People. Sentivo che forse era giunto il momento di condividere alcune delle mie vulnerabilità e mi ha fatto capire che tutto ciò che ho vissuto, non sarei mai cambiato perché penso di essere quello che sono a causa di quelle esperienze.

Nel libro, Bündchen condivide il modo in cui ha lottato con qualsiasi cosa, da attacchi di panico, claustrofobia e pensieri di morte e morte. Ha detto a People che il suo primo attacco di panico è avvenuto in realtà su un volo nel 2003. Fu proprio in questo periodo che la carriera della modella iniziò a decollare.


Sembrava che tutto nella mia vita stesse per uccidermi , scrive nel libro (menzionato in un estratto edito da Page Six). Prima erano gli aeroplani, poi gli ascensori. Poi c'erano gallerie e hotel, studi di modellismo e automobili. Adesso era il mio appartamento. Tutto era diventato una gabbia, e io ero l'animale intrappolato dentro, ansimante. Non riuscivo a vedere una via d'uscita e non potevo sopportare un altro giorno di sentirmi così.

Bündchen fu così sopraffatta dalla sua ansia che iniziò a considerare il suicidio. L'idea mi ha travolto: forse sarà più facile se salto. Sarà tutto finito. Posso uscirne, scrive. Quando ripenso a quel momento e a quella ragazza di 23 anni, mi viene da piangere. Voglio dirle che andrà tutto bene, che non ha nemmeno iniziato a vivere la sua vita. Ma in quel momento l'unica risposta sembrava essere quella di saltare.

Visualizza questo post su Instagram

Ho appena ricevuto una copia di Lessons! Non posso credere che il mio libro uscirà il 2 ottobre! Che viaggio incredibile è stato! Sono così felice di poterlo condividere con te. Spero vi piaccia! #Lezioni Ho appena ricevuto una copia di Lezioni!!! Non posso credere che il mio libro sia già uscito ad ottobre! È stata un'escursione fantastica e sono così felice di poterla condividere. Spero ti piaccia! #Apprendimenti

Un post condiviso da Gisele Bundchen (@gisele) il 28 settembre 2018 alle 4:08 PDT

Fortunatamente Bündchen alla fine ha ricevuto aiuto e inizialmente gli è stato prescritto Xanax. Ma dopo aver realizzato che non voleva dipendere da un farmaco da prescrizione, ha apportato importanti cambiamenti allo stile di vita come smettere di bere e fumare, che la modella ammette di aver consumato quotidianamente a un certo punto. Ha apportato modifiche alla dieta come tagliare lo zucchero e ha reso lo yoga e la meditazione una parte importante della sua vita. A poco a poco ha iniziato a notare cambiamenti nella sua salute mentale e come si sentiva. Per essere chiari, i cambiamenti di dieta e stile di vita non lo eranoIl modo di trattare se stessa di Bündchen. Ha cercato un aiuto specializzato e professionale. Ma apportare modifiche alla sua salute generale ha migliorato la sua salute mentale.

Visualizza questo post su Instagram

A volte ci sentiamo soli, come se non ci fosse via d'uscita, ma non è vero. I miei attacchi di panico sono stati difficili e ho cercato aiuto dalla mia famiglia, da specialisti, insegnanti e amici. Chiedere aiuto non è mai un segno di fallimento ma un segno di forza perché vale la pena salvare la tua vita. #lezioni A volte ci sentiamo soli, come se non ci fosse via d'uscita, ma non è vero. I miei attacchi di panico sono stati difficili e ho cercato aiuto da familiari, esperti, insegnanti e amici. Chiedere aiuto non è mai un segno di fallimento, ma un segno di forza, perché vale la pena salvare la tua vita. #Apprendimenti

Un post condiviso da Gisele Bundchen (@gisele) il 2 ottobre 2018 alle 5:42 PDT

È sorprendente apprendere che qualcuno che potrebbe sembrare perfetto come Bündchen sarebbe stato abbastanza ansioso e depresso da pensare al suicidio. È così difficile girarci intorno, soprattutto considerando quanto spesso sia positiva e zen. Ma la verità è che siamo rimasti tutti piuttosto scioccati quando abbiamo appreso Kate Spade e Anthony Bourdain si è suicidato . Demi Lovato, che era stata aperta sui suoi problemi con la dipendenza, la depressione e il bipolarismo, sembrava che stesse andando alla grande e poi ha avuto una ricaduta quest'anno i fan non si aspettavano che sarebbe successo. Mariah Carey lo ha finalmente rivelato questa primavera soffre di bipolarismo dal 2001 e soffriva in silenzio per paura dello stigma associato a quella diagnosi.


Se pensi a quanto sia più difficile per le persone nel Comunità Latinx per ricevere una diagnosi corretta e quanto è più alto il tasso di depressione per le latine , inizia a diventare meno sorprendente che Bündchen stesse lottando con problemi di salute mentale. In effetti, la modella brasiliana che ha condiviso la sua storia è stata particolarmente importante non solo per le donne latine ma per tutte davvero. C'è questo malinteso e questa percezione che abbiamo di certe persone, specialmente delle celebrità, che le loro vite sono perfette e che non c'è modo in cui possano essere infelici o soffrire in silenzio e la realtà è che è tutt'altro che vero. Chiunque può lottare con problemi di salute mentale indipendentemente dalla propria ricchezza, fama, stile di vita, età, etnia, sesso o razza. E più le persone sono aperte e oneste, più saremo in grado di decostruire questo mito secondo cui i problemi mentali accadono solo a determinate persone e più facile sarà per coloro che soffrono cercare attivamente aiuto.

Proprio adesso Le latine hanno il più alto tasso di suicidi negli Stati Uniti . In effetti, quest'estate i funzionari di New York hanno riferito che il tasso di suicidi di Latina aveva raggiunto un livello epidemico. Il Center for Disease Control and Prevention (CDC) ha pubblicato un sondaggio nel 2015 sul comportamento ad alto rischio dei giovani che ha mostrato che il 15% degli adolescenti latini negli Stati Uniti ha tentato il suicidio: è molto. In effetti, il 15 percento è enorme se lo confronti con il 9,8 percento e il 10,2 percento degli adolescenti bianchi e neri che tentano il suicidio negli Stati Uniti.

Il suicidio negli stati in generale è un problema, ma le conversazioni sulla salute mentale si sono evolute e mentre continuano ad evolversi, lo sarà anche l'eliminazione dei vecchi tabù e dello stigma associati alla salute mentale che impedisce a così tante persone di ottenere il giusto aiuto e trattamento di cui hanno bisogno. Lodo Bündchen per aver condiviso la sua storia. Abbiamo bisogno di più persone come lei che tengano conto delle realtà della salute mentale, specialmente nella comunità Latinx.