By Erin Holloway

L'artista queer Latinx Sam Kirk mentre intaglia il proprio percorso

Foto: Instagram/iamsamkirk


Quando l'artista di Chicago Sam Kirk aveva 15 anni, è stata espulsa da un insegnante nella sua scuola cattolica privata di sole ragazze. Non sapeva che un giorno l'avrebbe portata a trovare la sua vocazione e alla fine a creare una fiorente attività artistica. O che un giorno sarebbe diventata una delle prime donne a partecipare a CasaMouja, il festival annuale di street art di Casablanca. O che alla fine avrebbe avuto più strumenti da restituire alle comunità nere, marroni e omosessuali di Chicago e oltre. Allora, stava semplicemente cercando di capire cosa significasse essere queer e si è rivolta all'arte per aiutarla.

Cresciuto nel Southside...non sapevo a chi fare domande o di cui sapevo davvero come parlare (essere queer)...l'ho usato come strumento per riordinare le mie emozioni, dice Kirk.

Quando è arrivato il momento del college, però, Kirk ha optato per una doppia specializzazione in marketing e interior design e, in seguito, ha accettato un lavoro nella pubblicità. L'arte è rimasta un hobby per lei, qualcosa con cui rilassarsi, ma le sue giornate erano tutte incentrate sulla gestione del cliente e sulla strategia. Forse era una benedizione sotto mentite spoglie, però.

Visualizza questo post su Instagram

Chicago sta dando il via al Pride Month con alcuni nuovi passaggi pedonali! Molti sono pieni di arcobaleni! E sono entusiasta di vedere che la bandiera transgender è stata inclusa vicino al nostro* murale The Love I Vibrate. È un'aggiunta perfetta per questa collaborazione con @howardbrownhealth e @chicagodcase. Sìì! *Il murale presenta Kiam Marcelo Junio ​​@iamkiam del trio di artisti @iamsamkirk @andybmix e @santongiorgi Grazie per la cattura @davidjaycollins! Grida al team di @pridefestchicago @marketdayschicago e @aldermantunney office per continuare ad aggiungere più visibilità LGBTQIA al quartiere! #transflag #transgenderflag #prideflag #pride2019 #orgoglio

Un post condiviso da Sam Kirk (@iamkirk) il 22 maggio 2019 alle 4:42 PDT

I miei amici erano così esauriti dal progettare tutto il giorno che avrebbero smesso di dipingere e di fare ciò che amavano. Per me... lascerei il lavoro per [andare nel] mio studio e andare a dipingere.

Alla fine, Kirk ha usato il suo stesso lavoro per sostituire l'arte che le avrebbero dato per decorare il suo ufficio. I colleghi hanno iniziato a chiederle dei vivaci dipinti sulle sue pareti e hanno persino iniziato a commissionarle lavori. Da lì, è stata in grado di allestire una mostra e poi è passata alle gallerie.

https://www.instagram.com/p/BtmAeaKAxCu/

È semplicemente cresciuto organicamente in un modo che non mi aspettavo. Non avrei mai immaginato di essere un artista per vivere, condivide Kirk.


L'artista autodidatta gestisce la propria attività artistica da quasi un decennio, senza segni di rallentamento. Kirk ha creato incredibili murales in tutta Chicago, da Pilsen a Logan Square, così come a New York e nel Michigan. Ha lavorato con numerosi marchi importanti, tra cui Guinness, AT&T, Major League Soccer, Don Julio, Adidas e altri. Ha anche messo parte del suo background di interior design nel suo lavoro, creando layout colorati e non tradizionali per i clienti che esprimono un apprezzamento per la sua arte. E mentre l'arte stessa è la priorità assoluta, Kirk attribuisce la sua capacità di gestire un'attività di successo al suo background nel marketing.

Visualizza questo post su Instagram

Nuove spille dell'orgoglio!! Sono davvero entusiasta di rilasciare la mia prima spilla per il World Pride 2019. In qualità di artista/umano investito nella creazione di visibilità per i membri della comunità LGBTQIA di tutte le culture/in tutto il mondo, volevo creare un pezzo che facesse una dichiarazione. Ho creato questo design anni fa e ho deciso di trasformarlo in una spilla come un modo per celebrare l'orgoglio, l'un l'altro, e restituire (ulteriori informazioni su provokeculture.com). Essere visto. Sii festeggiato. Sii orgoglioso. Disponibile su provoculture.com. link in bio.

Un post condiviso da Sam Kirk (@iamkirk) il 13 maggio 2019 alle 6:53 PDT

Avere quella gestione dei clienti (background) mi aiuta non solo a capire come presentare il mio lavoro e come parlare con i clienti, ma anche a pensare a come potrebbero avvicinarsi alla loro campagna. Se ricevo una commissione per fare un murale, questa è una parte di esso. Ma nella parte posteriore della mia testa, so già che potrebbero voler aggiungere magliette o altre cose. Da un punto di vista professionale, è estremamente utile. Il percorso che ho preso per arrivare qui ha funzionato perfettamente.

Kirk cita artisti come Jessica Sabogal , Shantel Martin , Mickalene Thomas , e Max Sansing come influenze. Ma nota anche che la sua identità fa sempre parte del suo lavoro.

Il mio lavoro è completamente basato sulla narrativa. Riguarda le esperienze che ho con altre persone e il modo in cui ciò influisce sulla mia esperienza di vita, dice.

In questi giorni, Kirk sta cercando di espandere la sua esperienza nel regno dei formati 3-D su larga scala come le sculture. Spera anche di dipingere un giorno murales in Sud America, dove dice che i palati dei colori di paesi come la Colombia e il Perù funzionerebbero davvero bene con il suo stile. Più di recente, ha completato un murale originale per il New York Pride, un murale in onore della squadra nazionale femminile degli Stati Uniti nel Wicker Park di Chicago, e ha anche creato opere d'arte per il Chicago Reader Pride Block Party, a beneficio delle comunità LGBTQ di Chicago attraverso organizzazioni come il Associazione delle azioni motivanti di Latinxs , Progetto di performance per l'empowerment dei giovani , e Uguaglianza Illinois . Per lo più, Kirk spera di continuare a creare opere che diano potere alle comunità queer e latine (soprattutto a Chicago, che spera un giorno diventi una città completamente desegregata, che abbracci persone di ogni ceto sociale).

Visualizza questo post su Instagram

Quindi siamo ufficialmente le prime donne a partecipare a CasaMouja, l'Annual Street Art Festival di Casablanca. Grazie a @neysapage per il reco, @chisistercities e @wecasablanca per la straordinaria opportunità! È stata un'esperienza che ha cambiato la vita, ho scritto tutto al riguardo – link in bio (anche altre foto)

Un post condiviso da Sam Kirk (@iamkirk) il 22 maggio 2018 alle 17:24 PDT

Ha anche degli ottimi consigli per aspiranti artisti queer e Latinx: non aver paura di creare il tuo percorso e non esitare a chiedere aiuto.

Come latine, siamo molto orgogliosi. Chiedere aiuto è qualcosa che ho trovato molto difficile da fare. Ci viene sempre insegnato a lavorare sodo, a tenere la testa bassa... ma questo non funziona nell'arte perché l'industria non è necessariamente popolata da molti di noi, specialmente ai livelli più alti. Devi essere disposto a fare domande e cercare persone che ti aiutino a passare al livello successivo.

Voleva anche ricordare alle persone di rimanere sempre aperte a nuove opportunità che potrebbero presentarsi. Ma soprattutto?

Goditi il ​​lavoro. Se non ti stai divertendo, probabilmente non dovresti più farlo.