By Erin Holloway

Ciò che ogni donna dovrebbe sapere sull'aborto spontaneo e sulla perdita di gravidanza

fatti di aborto spontaneo

Foto: Unsplash/Huha Inc.


Cattiva amministrazione è un argomento di cui nessuno vuole davvero parlare. È spaventoso e imbarazzante nel migliore dei casi e doloroso ed emotivamente drenante nel migliore dei casi. È anche qualcosa a cui quasi tutte le donne che sono state incinte hanno pensato, ma poiché l'idea di ciò, la possibilità che accada davvero è così schiacciante e terrificante che molti di noi non ne parlano mai ad alta voce. Per qualcuno, è tale un argomento tabù che non riusciamo nemmeno a discuterne con le nostre ostetriche. Il fatto è però che la conoscenza dà potere, e anche se non c'è assolutamente nulla che possiamo fare per evitare l'aborto spontaneo (vero), può aiutare a capirlo.

Quando io stessa ho avuto un aborto spontaneo precoce prima di rimanere incinta del mio primo figlio, ho appreso che anche molte donne che conosco hanno sofferto gravidanza perdita. È interessante notare che nessuno sembra dire mai una parola al riguardo fino a quando non accade davvero, e anche in questo caso tendiamo a sfiorare a malapena la superficie. Ora, anni dopo, cerco di essere il più aperto possibile sulla mia esperienza perché so che quando ho finalmente capito che non ero solo, in realtà mi ha aiutato a guarire.

Considerando che gran parte dello stigma sull'aborto spontaneo è legato al fatto che le donne si sentono in qualche modo in colpa quando perdono una gravidanza e quindi stanno zitte per evitare giudizi e incolpare, sembra che il semplice aprirsi e informarsi sui fatti, potrebbe effettivamente andare un lungo cammino per cancellare parte della vergogna e della confusione associate all'aborto spontaneo. Anche se non è salutare per le donne incinte soffermarsi sulla possibilità di un aborto spontaneo, in realtà può essere utile, persino confortante, essere almeno consapevoli dei fatti di base, quindi ecco alcune cose che ogni donna incinta o che sta pensando di rimanere incinta dovrebbe sapere di aborto spontaneo.

Cos'è l'aborto spontaneo?

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da She Is (@sheis_dotcom)


Il Centro nazionale per l'informazione sulle biotecnologie (NCBI) definisce l'aborto spontaneo come la perdita spontanea di una gravidanza prima delle 20 settimane di gestazione, mentre il American College of Obstetricians and Gynecologists (ACOG) definisce l'aborto spontaneo come la perdita di gravidanza durante il primo trimestre (le prime tredici settimane).

L'aborto spontaneo è comune

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da The Mom Coach (@brandireneemills)

Ed essere comune, intendiamo dire che in realtà si verifica molto più spesso di quanto molti potrebbero pensare. Secondo NCBI, ben il 26% delle gravidanze finisce con un aborto spontaneo . Quindi in realtà è più di una gravidanza su quattro. Ora, pensa a tutte le donne della tua vita e renditi conto che almeno una di loro ha probabilmente subito un aborto spontaneo.

Ciò include le gravidanze clinicamente identificate

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Informazioni sull'aborto spontaneo (@aborto.info)

Qui diventa un po' complicato, ma quel 26 percento è una stima per tutte le gravidanze, che include le gravidanze che sono state clinicamente riconosciute. Ciò significa gravidanze che sono state confermate tramite ultrasuoni o da trovare il tessuto della gravidanza dopo una perdita non solo da un esame del sangue o delle urine. L'aborto si verifica fino al 10% delle gravidanze clinicamente riconosciute.

I numeri potrebbero essere ancora più alti

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Supporto per aborto spontaneo (@throughthewoodstotherainbow)

Poiché molte gravidanze non vengono riconosciute fino a ben oltre un periodo mancato, il numero effettivo di aborti spontanei verificarsi potrebbe essere un po' più alto. È probabile che le perdite che si verificano nelle prime due o quattro settimane dopo il concepimento passino completamente inosservate e spesso sembreranno esattamente come un ciclo normale.

Molti aborti spontanei sono inspiegabili

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Non sei solo. (@abortosperato)


Molti aborti spontanei, compresi quelli vissuti da donne che hanno aborti ricorrenti, rimangono inspiegabili, almeno in parte perché la stragrande maggioranza delle perdite si verifica entro il primo trimestre e non è pratica comune indagare su queste perdite perché sono così comuni e in genere hanno solo minimi effetti fisici sulla madre.

Ci sono molte possibili cause

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Sarah Shockley | Infertilità (@while_we.wait)

Ci sono un certo numero di possibili cause di aborto spontaneo , con la stragrande maggioranza inevitabile. Nella maggior parte dei casi non c'è assolutamente nulla che una madre avrebbe potuto fare per prevenire un aborto spontaneo. Di gran lunga, la causa più comune di aborto spontaneo sono le anomalie genetiche, ma altre condizioni di salute sottostanti come malattie della tiroide, diabete, infezioni, squilibri ormonali e disturbi immunitari possono essere tutti fattori. Naturalmente, l'uso di droghe e alcol può anche portare ad aborto spontaneo. Le donne dovrebbero tuttavia sapere che mentre tracce di alcol possono raggiungere il feto attraverso il sacco vitellino molto presto durante la gravidanza, il feto non condivide un afflusso di sangue con la madre fino a circa 10 settimane di gestazione, quindi quei cocktail che hai bevuto il giorno del tuo compleanno prima di sapere di essere incinta o anche la tua abitudine al caffè, non dovrebbero essere incolpati di un aborto spontaneo.

Le latine sono sottorappresentate nei dati

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Infertility Therapist & Doula (@linnystone)

Uno studio del 2011 che è stato presentato alla Western Institute of Nursing Annual Communicating Nursing Research Conference suggerisce che poiché molte latine che vivono negli Stati Uniti non sono cittadini e i dati del censimento non vengono comunemente raccolti su quelle donne, una percentuale di latine più alta di quella riportata da i medici potrebbero subire aborti negli Stati Uniti A causa della mancanza di ricerca sugli aborti spontanei di Latina, è quasi impossibile per un operatore sanitario comprendere l'esperienza di aborto spontaneo di questa popolazione. Inoltre, i fornitori potrebbero non conoscere i migliori meccanismi di risposta per questa popolazione di donne o essere in grado di fornire cure culturalmente sensibili durante e dopo la perdita della gravidanza, leggi il rapporto.

Il sesso non causa aborto spontaneo

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Still Loved (@stilllovedbabies)

Molte donne temono che fare sesso, o andare in bicicletta, o fare esercizio fisico o qualsiasi altra attività normale, causato il loro aborto spontaneo , ma questo non è vero. Sebbene sia raro, ci sono alcuni traumi fisici che possono portare all'aborto spontaneo, tuttavia l'attività sessuale regolare o qualsiasi altro tipo di sforzo fisico moderato non può causare aborto spontaneo. Quindi no, non hai fatto nulla di male.

Molte donne nascondono i loro aborti

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Non sei solo. (@abortosperato)


Per quanto devastante sia un pensiero, molte donne non condividono i loro aborti con nessuno. Secondo quanto riferito, quasi la metà delle donne che subiscono un aborto spontaneo non ne parla alla famiglia, agli amici e nemmeno ai loro partner, il che significa che sono lasciate sole a soffrire, il che può senza dubbio portare a sentimenti di isolamento e depressione.

Il bisogno di recupero emotivo è reale

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Informazioni sull'aborto spontaneo (@aborto.info)

Per molte donne, spesso anche quelle che hanno perso gravidanze non pianificate, l'aborto spontaneo è un'esperienza intensamente emotiva e può anche presentare sfide fisiche. Il recupero sia emotivamente che fisico richiede tempo e fatica, il che può essere difficile, soprattutto per le donne che dovrebbero continuare a lavorare e ad essere genitori mentre si stanno riprendendo da un aborto spontaneo. Viene offerto pochissimo supporto formale alle donne che subiscono aborti spontanei. Tuttavia, in alcuni settori si stanno compiendo progressi. Nel marzo 2021, la Nuova Zelanda è diventata il primo paese a legalizzare congedo retribuito dopo un aborto spontaneo .

La maggior parte delle donne può ancora avere figli

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Madison Roman (@a_craft_act)

La stragrande maggioranza delle donne che subiscono un singolo aborto spontaneo, continua ad avere gravidanze perfettamente sane . Un singolo aborto spontaneo non è un indicatore di infertilità se i cicli mestruali della donna sono altrimenti normali. Le probabilità sono anche a favore di una madre dopo due aborti spontanei. I bambini arcobaleno sono comuni e dovrebbero essere celebrati.