By Erin Holloway

Questa latina potrebbe essere la prima sognatrice a ricoprire un ufficio a New York

Foto: Wikimedia/Mark Groce / MTA New York City Transit


Una delle cose più interessanti che esce da un altroclima politico orribileè stata l'emergere di molte divisioni ideologiche e sottogruppi che esistono all'interno del sistema bipartitico. Non è solo che vengono riconosciuti, dal momento che la politica delle persone è sempre esistita in uno spettro e molti di quei gruppi esistono da decenni, ma sono vincente elezioni parlando direttamente con le persone di cui parlano solo la maggior parte dei politici. Abbiamo visto le elezioni locali diventare oggetto di dibattito nazionale a causa di piattaforme che vengono definite troppo radicali da sia repubblicani che politici come al solito Democratici , come nel caso di Alexandria Ocasio-Cortez che ha battuto L'incumbent democratico Joe Crowley su una piattaforma socialista democratica. Gli attacchi contro di lei da parte dei politici all'interno del suo stesso partito hanno lasciato molti POC a chiedersi in che modo esattamente i valori della sinistra differiscano dalla destra. In risposta alla mancanza di indignazione e di azione da parte dei Democratici, molte persone le cui comunità sono effettivamente in gioco si stanno facendo avanti e prendono il loro potere.

Una di quelle persone lo è Caterina Croce. Si candida a un seggio all'Assemblea statale nel 39° distretto del Queens con la speranza di diventare la prima DREAMer eletta a New York. Una vittoria la renderebbe solo la terza DREAMer ad essere eletta negli Stati Uniti. Sebbene Cruz sia ora una cittadina naturalizzata, ha vissuto senza documenti per 13 anni dopo essere arrivata negli Stati Uniti dalla Colombia quando aveva 9 anni.

I Dreamers originali sono tecnicamente i nostri genitori, ma io vengo da quando il Dream Act è uscito per la prima volta prima ancora che esistesse il DACA. Non sono stato documentato fino al 2003 o 2004 circa e il Dream Act è uscito originariamente nel 2001. Quindi il modo in cui è stato definito erano i bambini che entravano senza documenti, ma venivano portati dai genitori, andavano a scuola qui ecc. Quindi ho Vengo da quell'epoca, dice a HipLatina.


Oggi corre su una piattaforma simile a Ocasio-Cortez: la abolizione del GHIACCIO , istruzione gratuita, riforma della giustizia penale, medicare per tutti, ma Cruz sta anche spingendo per la riforma in molti modi specifici del suo distretto. La prima cosa che ha colpito questa giornalista è stato il suo piano per gli anziani privi di documenti.

Idealmente, vorrei che ogni singola persona nel nostro stato fosse coperta, ma il fatto che abbiamo migliaia di anziani privi di documenti che usano il pronto soccorso come medico di base perché non hanno accesso a nient'altro è qualcosa che deve essere affrontato, dice.Sta anche sostenendo di aggiustare il trasporto pubblico invece di abbellirlo. Un problema che ha un forte impatto sul modo in cui le persone a basso reddito si spostano nella loro città e si mettono al lavoro.

Ho sviluppato piani molto chiari sulla sistemazione del nostro sistema di trasporto pubblico a New York City, il nostro sistema di trasporto pubblico non funziona affatto. Hai treni che ti porteranno a lavorare con due ore di ritardo alla volta, hai un'agenzia di autorità che sta spendendo più soldi in soluzioni estetiche e ostacola il debito che hanno piuttosto che affrontare effettivamente i problemi di guida. Quindi voglio vedere una ristrutturazione di tutto quel debito, ma ho dei piani concreti, aggiunge Cruz.

Si sta anche battendo per il furto di salario, qualcosa che le persone prive di documenti devono affrontare regolarmente poiché molti datori di lavoro si sentono perfettamente a proprio agio nel non pagare le persone per il loro lavoro quando sanno di non avere voce. È qualcosa che Cruz ha visto passare sua madre come una donna senza documenti.


Ho dovuto affrontare molte difficoltà con mia madre, era una mamma single, era stata un'infermiera di nuovo in Colombia , e negli Stati Uniti ha finito per dover fare la collaboratrice domestica, distribuire volantini per le strade, vendere cibo, ha fatto qualsiasi cosa per aiutarci a sopravvivere, ha detto. Quel processo e quegli anni mi hanno insegnato molto sulla perseveranza, molto sulla grinta, molto sul voler contrattaccare perché anche lei è stata vittima di un furto di salari, siamo stati vittime dei proprietari degli slum e, a causa della nostra mancanza di status, un carta semplice: aveva molta paura di far valere i suoi diritti. Questo presuppone anche che sapesse quali fossero quei diritti.

Le esperienze di sua madre sono ciò che le ha permesso di andare al college nonostante il suo status e conseguire una laurea in giurisprudenza, che dice di aver ottenuto in parte grazie al sistema CUNY di addebitare le tasse universitarie agli studenti privi di documenti. Sono andato a John Jay, che fa parte della City University di New York, per la mia laurea in Psicologia forense, che in realtà è il sistema CUNY è l'unico sistema che rende conveniente per i DREAMer andare a scuola perché ti fanno pagare nello stato insegnamento. Quindi, anche se devi pagarlo di tasca tua, è in una retta statale che è [più conveniente]. E poi sono andata alla City University di New York Law per la mia laurea in giurisprudenza, ha detto. Cruz ha contribuito a riportare 4 milioni di dollari di salari ai lavoratori come parte del Governatore Cuomo di New York Task force per combattere lo sfruttamento dei lavoratori dove ha lavorato per 10 anni.

Questo ovviamente è in netto contrasto con la sua incumbent Aridia Espinal, che è anche una democratica. Cruz dice che il fatto che lei ed Espinal siano entrambe latine viene utilizzato da un altro avversario che vuole far sembrare che tutte le latine siano uguali.

ONessuna delle tattiche ha cercato di inchiodarci come se entrambi avessimo visioni progressiste e fossimo una cosa sola, ma non lo siamo. Non potremmo essere più diversi se ci provassimo. Penso che il modo in cui elaboriamo le nostre politiche, il modo in cui governiamo, se vuoi, e il modo in cui corriamo sia completamente diverso, dice. Uno è più della politica come dei soliti candidati, e io sono il candidato del popolo. Sto facendo delle cose per assicurarmi che le persone per decenni [che] sono state messe a tacere da un sistema politico che si rifiuta di consentire loro di avere voce [venga data una voce].


Se c'è qualcosa che abbiamo imparato dalle elezioni del 2016 è che non tutti i latinoamericani sono dalla nostra parte (*tosse tosse* Il 20 per cento dei latini ha votato per Trump ).Ma il punto più stimolante della campagna di Cruz è il modo in cui sta autorizzando persone di ogni status ed età a essere coinvolte nel processo politico, ispirando così la prossima generazione di elettori e creando una strada per gli elettori non idonei a partecipare legalmente al processo della campagna.

Il mio responsabile della campagna è un DREAMer Cruz ha detto con orgoglio. Per raccogliere le firme di cui abbiamo bisogno, abbiniamo un elettore registrato con un volontario che non ha voce politica. Potrebbe essere una studentessa delle superiori, una donna di colore, una giovane donna di colore che vuole saperne di più sul processo, le abbiniamo e le inviamo per raccogliere le firme e quindi rispettiamo la legge, assicurandosi anche che le persone che non hanno mai avuto voce in capitolo si sentano coinvolte nel processo che vogliono continuare su quello.

Cruz sta anche autorizzando persone di ogni status ed età a essere coinvolte nel processo politico, ispirando così la prossima generazione di elettori e creando una strada per gli elettori non idonei a partecipare legalmente al processo della campagna. Lei insieme ad altri candidati con opinioni simili sono la prova che quando molti sussurri si uniscono, può diventare un grido di battaglia che può far accadere un vero cambiamento. E a dire il vero, ci mostrano che non dobbiamo sopportare l'autocompiacimento, la tiepida difesa o la politica non intersezionale.

In questo momento sono seduto nel mio ufficio e guardo due, quattro, cinque stagisti e due di loro sono troppo giovani per votare e sono qui che si dedicano a lavorare ogni singolo giorno su compiti diversi che ci assicurino di farlo, e noi ' 'Parteciperemo a quel ballottaggio, e andremo a bussare alla porta e diremo alla gente che la rivoluzione è già iniziata e noi ne facciamo parte', ha detto.

Puoi donare alla campagna di Catalina qui e puoi seguirla Facebook , Instagram , e Twitter .