Ecco perché Indya Moore non si identifica più come latina

Foto: Instagram/maluma


La 71a edizione dei Primetime Emmy Awards di ieri sera è stata chiaramente sottorappresentata. Con solo quattro attori latini in palio per i premi - e nessuna latina - la comunità era irrefrenabile. Tuttavia, grazie alla storica vittoria di Jharrel Jerome per gli afro-latinos, e India Moore Nell'importante dialogo sull'identità sul tappeto rosso, i latini sono ancora in piedi sul palco e rappresentano le loro comunità.

Moore ha avuto una conversazione tanto necessaria sull'identità, la Latinidad e cosa significa tutto questo per loro. Il Posa ha detto l'attore in un'intervista a Remixa che stanno scegliendo di identificarsi con un termine che sembra più autentico per loro e per la loro esperienza. Penso che dobbiamo assolutamente arrivare in un luogo in cui la diaspora africana ha bisogno di capire che la diaspora africana è la diaspora africana, hanno detto Remixa . I latini neri non hanno necessariamente la stessa esperienza dei latini che non sono neri. Io, personalmente, non mi identifico in latino perché Latino significa latino e latino, significa bianco. E non sono bianco, quindi mi chiamo semplicemente Afro-Taíno perché è quello che sono.

Taino erano un popolazioni indigene dei Caraibi e della Florida , che comprende persone provenienti da Cuba, Giamaica, Hispaniola (Repubblica Dominicana e Haiti) e Porto Rico.

Moore ha elaborato la rappresentazione di Latinx in televisione e ha detto: Quando guardo Telemundo, sì, sono qui per i contenuti spagnoli. Ma vedo solo spagnoli bianchi su Telemundo. Non vedo davvero i neri ispanici perché anche i neri sono ispanici. Penso che l'inclusività intersezionale sia importante perché l'inclusività afferma che appartieni e penso che sia qualcosa per cui dovremmo spingere nei media che creiamo, in tutte le forme. Per gli afro-taino, per tutti. Tutti quelli che sono emarginati.


Miguel Salazar ha scritto un pezzo eccellente per La nazione sull'ideologia contrastante alla base del termine Hispanic Heritage Month, che esclude molte persone che non si sentono necessariamente incluse come ispaniche o latine. L'articolo parla di a numero crescente di persone che stanno rinunciando agli ispanici o ai latini ombrello e scegliendo un'etichetta che si adatta a loro.

La giornalista Amanda Alcántara ha detto: 'La parola che ho usato per identificare è 'afro-caraibica' perché è regionale e specifica di luoghi che sono spesso esclusi dalla nostra percezione di chi rappresenta l'America Latina. Uso ancora la parola 'latina', ma poiché è usata negli Stati Uniti Come giornalista, mi occupo di questioni latine, in particolare questioni afro-latine e questioni dominicane, quindi mi affido ancora al termine anche se non voglio identificare con esso.

Qualunque etichetta ti sembri giusta, usala, è un tuo diritto.

https://www.instagram.com/p/CCojKA5Aae5/