'Selena' è stata nominata per il National Film Registry per la sua rappresentanza latino-americana

Cast del film Selena

Foto: Facebook/@SelenaTheMovie


Il rappresentante degli Stati Uniti Joaquin Castro è tra i legislatori che spingono per l'inclusione di Il film biografico di Gregory Nava del 1997 Selena protagonista Jennifer Lopez nel Registro Nazionale del Cinema. Castro, il presidente del Congressional Hispanic Caucus, ha scritto una lettera a nome dell'organizzazione alla dott.ssa Carla Hayden, la bibliotecaria del Congresso, dicendo di voler garantire che le esperienze dei latini americani sono ben rappresentati nei film. Il National Film Registry seleziona 25 film da preservare ogni anno che mettono in mostra la gamma e la diversità del patrimonio cinematografico americano per aumentare la consapevolezza. Nella lettera, l'organizzazione nomina formalmente Selena da includere tra gli altri film con protagonisti/storie di Latinx, tra cui Alzati e consegna (1988) e Le donne vere hanno curve (2002).

Oltre all'attenzione del film sull'ascesa alla fama e sulla tragica morte della musica della regina di Tejano, il film è anche uno sguardo all'esperienza di essere messicano-americano negli Stati Uniti. Il film tocca anche importanti temi dell'identità culturale e dell'assimilazione affrontati da Comunità messicane americane mentre navigano nelle loro connessioni personali con due culture e lingue. Il film è diventato un'icona amata della cultura latina e ha riscontrato un ampio successo mainstream, dimostrando una volta per tutte che le storie latine sono storie americane, ha scritto.

Nava ha diretto il film e ha lavorato a stretto contatto con la famiglia Quintanilla per dare vita alla storia di Selena con Edward James Olmos che interpreta Abraham Quintanilla e Constance Marie che interpreta sua madre Marcella Quintanilla. Jennifer Lopez ha ricevuto una nomination ai Golden Globe per la sua interpretazione di Selena e il film è stato sia un successo al botteghino che di critica.


Nava ha risposto alla nomina in una dichiarazione: Per troppo tempo Contributo dei registi americani di Latinx per l'industria cinematografica sono stati trascurati e sottorappresentati. La nostra comunità è importante e in crescita e le nostre storie devono essere raccontate. Mi congratulo con gli sforzi del Congressional Hispanic Caucus per attirare l'attenzione su questo e per onorare i risultati dei registi Latinx.

La dott.ssa Stacy L. Smith e l'Iniziativa per l'inclusione di USC Annenberg in collaborazione con la National Association of Latino Independent Producers (NALIP) e Wise Entertainment, l'anno scorso ha pubblicato un rapporto che traccia la mancanza di rappresentazione della comunità Latinx a Hollywood sia davanti che dietro la telecamera.

Hanno scoperto che solo il 3% dei film presentava attori Latinx in ruoli principali dal 2007 al 2018 nei 100 film di maggior incasso. Gli attori Latinx Jennifer Lopez, Cameron Diaz, Eugenio Derbez e Jessica Alba hanno ricoperto 16 dei 35 ruoli principali intervistati. Il rapporto ha anche visto che quasi la metà dei protagonisti o co-protagonisti di Latinx erano donne, ma cinque delle 17 attrici principali sono state interpretate da Cameron Diaz, che è di origine cubana da parte di padre. Solo otto protagonisti maschili e due femminili (entrambi interpretati da J.Lo), co-protagonisti o membri di un cast di ensemble avevano 45 anni o più al momento dell'uscita nelle sale.

L'esclusione dei latinoamericani dall'industria cinematografica, la mancanza di sostegno e opportunità dati ai film e ai registi latini e le barriere che i progetti incentrati sui latinoamericani devono affrontare dallo sviluppo alla distribuzione rispecchiano il modo in cui i latinoamericani continuano a essere esclusi dalla piena promessa di America, un problema che non sarà risolto finché le nostre storie non saranno completamente raccontate, ha scritto Castro.

Articoli Interessanti