By Erin Holloway

Tre erbe per donne che dovresti piantare nel tuo giardino oggi

Foto: Unsplash/@pisauikan


Nel suo libro Erborista, Tania Rosario-Méndez, educatrice prenatale portoricana, elenca dieci erbe adatte alle donne, tre delle quali sono descritte di seguito e che potresti già avere nel tuo giardino. In caso contrario, sono facilmente accessibili. Con il permesso dell'autore, condividiamo alcuni estratti da uno dei suoi capitoli che descrive perché dovresti considerare di piantare le seguenti erbe.

Zenzero

Un proverbio indiano dice che lo zenzero contiene ottimi nutrienti. Conosciuto e venerato fin dall'anno 3000 a.C. lo zenzero appare in quello dell'imperatore Shen Nung Classico libro delle erbe. Oltre ad essere una spezia deliziosa e aromatica, lo zenzero è uno dei rimedi botanici più utilizzati nel mondo per le sue proprietà antinfiammatorie, antiossidanti e analgesiche. Stimola la secrezione di saliva e l'attività digestiva, calma lo stomaco, riduce la nausea e il vomito e minimizza il dolore prodotto da gas e diarrea. Viene anche usato come rimedio casalingo per i crampi mestruali e l'ovulazione dolorosa, mal di gola e altri sintomi correlati al raffreddore. Inoltre, può essere utilizzato per ridurre il livello di colesterolo e l'accumulo di placche nelle arterie.

Parte utilizzata: radice

Aloe Vera

Nei secoli passati, i medici in Egitto curavano le ferite da freccia con l'aloe vera. Questa pianta magica, originaria dell'Africa, è diventata una delle erbe più apprezzate dalla comunità scientifica ed è stata utilizzata per curare i problemi della pelle, come trattamento di bellezza e come rimedio casalingo di primo soccorso. Il suo gel contiene enzimi che mantengono puliti i tessuti ustionati e il suo acido titanico facilita l'unione delle ferite. È emolliente (protegge la zona), contiene elementi analgesici, antibatterici e antinfiammatori che trattano il dolore e l'irritazione della pelle e riduce la formazione di cicatrici. Ha anche una buona reputazione per il suo espettorante, grazie all'eliminazione di raffreddori e malattie respiratorie.

Parte utilizzata: cristalli o gel dalle foglie

Lavanda


I greci importarono la lavanda dalla Siria per la sua fragranza, da allora il suo aroma ha profumato camere da letto, soggiorni e bagni. Il suo nome botanico, Lavanda, deriva dalla parola latina lavare , che significa pulire. Fin dal medioevo questa pianta è stata utilizzata come rimedio comune per curare diverse malattie. L'evidenza scientifica ci assicura che gli oltre 100 elementi nell'olio volatile dei suoi fiori hanno un effetto calmante sul sistema nervoso centrale. I botanici considerano questa pianta un potente rimedio per mal di testa, crampi e spasmi muscolari, piccoli problemi digestivi e depressione. Il suo effetto antisettico è delicato sulla pelle e protegge dalle infezioni. È l'unico olio essenziale che può essere applicato sulla pelle senza bisogno di essere diluito.

Parte utilizzata: fiori e foglie

Fonte: Erboristeria: alternative botaniche per una gravidanza naturale, parto e postpartum di Tania Rosario-Méndez. Informazioni: www.cambiante.com

Articoli Interessanti