Trump detenere e deportare bambini che hanno sponsor legali

ICE-bambini-deportazione

Foto: Flickr/Creative Commons


In tutto il Paese, detenuti e detenuti vengono rilasciati a causa della diffusione del coronavirus. Proprio oggi, ex consulente di Trump Paul Mannafort è stato rilasciato dal carcere a causa del virus mortale. Ma quella stessa malattia che sta costringendo i funzionari a rilasciare alcuni detenuti e detenuti è il motivo per cui i funzionari del governo non rilasceranno i bambini detenuti dai centri di detenzione.

Los Angeles Times riporta che migliaia di bambini detenuti, alcuni dei quali hanno sponsor legittimi, non sarà rilasciato dalla detenzione a causa del COVID-19 . In un caso, un adolescente del Guatemala è in detenzione da più di 400 giorni, il che viola l'accordo di Flores. L'accordo Flores è stato istituito nel 1997 per proteggere i bambini dal rimanere all'interno dei centri di detenzione per più di 20 giorni. L'amministrazione Trump lo è cercando di porre fine a questa politica decennale .

Funzionari del governo affermano che stanno trattenendo i bambini dal rilascio perché non allenteranno il controllo di possibili sponsor. I funzionari indicano che i bambini potrebbero, a loro volta, essere collocati nelle case sbagliate che causerebbero loro più danni. Alcune domande sono anche ritardate perché gli agenti non possono a causa delle visite a domicilio a causa del coronavirus.

Quello che dicono alcuni sostenitori dell'immigrazione è che i funzionari dell'agenzia preferirebbero espellere i bambini piuttosto che vederli rilasciati a persone che vogliono prendersi cura di loro qui negli Stati Uniti.

Laura Peña, ex procuratore dell'ICE che ora lavora per l'American Bar Assn. Il Pro Bono Asylum Representation Project, rappresentava una ragazza adolescente che finì per essere deportata.

È scandaloso, cercare di espellere questo bambino e negargli i diritti durante una pandemia, ha detto Peña L.A. Times . Come mai?

Andare ancora oltre è una nuova politica dell'amministrazione Trump che consente ai funzionari dell'immigrazione di espellere i bambini non appena arrivano al confine.


Quello che il governo ha sempre fatto, che è una legge, è che se un bambino arriva al confine da solo, il bambino viene sempre portato in un centro di detenzione. Tuttavia, ora dall'inizio dell'epidemia di coronavirus, i bambini vengono rimandati indietro immediatamente.

CBS News riporta che solo a marzo, 299 minori non accompagnati sono stati rimandati nel loro paese d'origine .

La malattia non conosce l'età, Il commissario ad interim della CBP Mark Morgan ha detto ai giornalisti il ​​mese scorso, secondo CBS News. Quando i [minori] attraversano il confine, rappresentano un rischio assoluto e concreto per la salute pubblica per questo paese e per tutti coloro con cui entrano in contatto.

È abbastanza evidente che questa amministrazione non si preoccupa del benessere di questi bambini o di chiunque altro di colore.

Articoli Interessanti