Trump sta cercando il voto latino a Miami, ma si presenteranno?

Donald Trump non lo fa

Foto: Unsplash/@HistoryHD


La campagna presidenziale 2020 si sta scaldando. I Democratici stanno correndo costantemente in campagna elettorale, il che significa che il repubblicano solitario deve salire su quel treno il prima possibile. Il presidente Donald Trump ha lanciato la sua campagna 2020 un paio di giorni fa a Orlando, in Florida, e ora si rivolge a una fascia demografica molto specifica.

Trump sta facendo la sua causa alla popolazione latina e vuole assicurarsi che voteranno per lui. Quindi, come lo farà esattamente? Martedì prossimo, il presidente sarà a Miami per un altro raduno di Trump e il suo staff spera che i latinoamericani per Trump si presentino, ma lo faranno?

Il forte sostegno latino per il presidente Trump e le sue politiche lo sarà determinante per la rielezione la presidente per un secondo mandato, Hannah Castillo, direttrice delle coalizioni per la campagna di Trump, ha dichiarato in una nota La collina.

Presumibilmente sarà anche il vicepresidente Mike Pence perché è un politico più affidabile con opinioni conservatrici, che è una roccaforte per molti latini, in particolare la comunità cubana a Miami. Politico riferisce che la spinta Latino/Trump a Miami sarà guidata dal tenente governatore della Florida. Jeanette Nunez , un cubano americano ed ex membro della Florida House.

Trump spera anche che la sua nuova (e prima in assoluto) intervista per una rete spagnola andrà in onda stasera anche su Telemundo. Il Presidente ha fatto delle parole molto interessanti sull'immigrazione e la separazione delle famiglie.

Alla domanda sulla sua politica di tolleranza zero, Trump ha detto che ha messo insieme le famiglie e non le ha separate.


Il presidente Obama ha avuto la separazione dei figli . Guarda. La stampa lo sa. Lo sai. Lo sappiamo tutti. Non l'avevo - sono io quello che l'ha fermato... Ma il presidente Obama aveva la legge. Abbiamo cambiato la legge e penso che la stampa dovrebbe riportarla accuratamente. Ma ovviamente non lo faranno, ha detto.

Trump potrebbe essere bravo a tentare di riscrivere la storia, ma resta da vedere se la comunità latina ci cadrà. I latinoamericani conservatori potrebbero voler vietare l'aborto e potrebbero voler proteggere i confini, ma gli effetti duraturi di tutte le turbolenze che il presidente ha causato dalla sua elezione, dalle incursioni incostituzionali dell'ICE ai migranti che muoiono sotto la custodia dell'ICE, e le continue sparatorie di massa, il suo record praticamente parla da sé. Forse alcuni latini, come altri sostenitori di Trump, si godono il caos che continua a dispiegarsi quotidianamente nel nostro paese.

Ecco l'intervista qui sotto.