Vanessa Guillén morta nella linea di servizio dell'esercito conferma

soldato latina vanessa guillen scomparsa

Foto: Facebook/@findvanessguillen


La scomparsa di Spec. dell'esercito Vanessa Guillen, 20, e le successive segnalazioni di molestie sessuali hanno portato a discussioni nazionali sul trattamento delle donne nell'esercito. È stata vista viva l'ultima volta Fort Hood, Texas, il 22 aprile ei suoi resti sono stati trovati vicino alla base il 30 giugno. Questa settimana Forte Hood ha annunciato che dopo un'indagine hanno concluso che La morte di Guillén è stata 'in linea con il dovere'. '
Questa determinazione stabilisce che la famiglia Guillén ha diritto a una serie di vantaggi dell'esercito per il servizio di Vanessa alla nostra nazione. In genere questi benefici includono un risarcimento per aiutare immediatamente la famiglia con le spese, funerali con tutti gli onori militari, l'assicurazione sulla vita di gruppo dei membri del servizio e la paga finale e le indennità, hanno scritto in una dichiarazione.
In seguito alla scoperta dei resti di Guillén, la polizia si è mossa per arrestare Spc. Aaron Robinson, 20 anni, che si è sparato e si è ucciso. La sospettata Cecily Aguilar usciva con Robinson ed è stata accusata di un conteggio di cospirazione per manomettere le prove, secondo l'ufficio del procuratore degli Stati Uniti nel distretto occidentale del Texas. Lei lo ha confessato Robinson ha picchiato a morte Guillén usando un martello e in seguito hanno smembrato il suo corpo e gli hanno dato fuoco prima di seppellirlo in tre luoghi separati, secondo la dichiarazione giurata. Aguilar si è dichiarato non colpevole ed è dovuto in tribunale il 30 novembre.

Natalie Khawam, avvocato della famiglia Guillen ha detto durante quella conferenza stampa che ci sono stati almeno due presunti episodi di molestie sessuali, incluso quando Robinson è entrato mentre faceva la doccia. L'altro incidente è stato quando un superiore l'ha aggredita verbalmente in spagnolo facendo osservazioni volgari. Secondo Khawam Guillen ha detto alla sua famiglia che non voleva denunciare le molestie sessuali per paura di ritorsioni.

Il Criminal Investigation Command dell'esercito ha avviato un'indagine sulle accuse secondo cui Guillen è stato molestato sessualmente mentre i funzionari di Fort Hood hanno negato che ci fossero informazioni credibili a sostegno delle accuse. La sua famiglia ha chiesto un'indagine del Congresso sulla sua scomparsa e la League of United Latin American Citizens (LULAC) ha dichiarato che i militari non stanno facendo abbastanza per proteggere le donne arruolate.


Chiediamo a tutte le donne, in particolare alle donne latine o alle loro famiglie: non arruolatevi nell'esercito finché non avremo la certezza che saranno protette e accudite quando serviranno il nostro paese. E in questo momento non credo che i militari siano in grado di farlo a causa di quello che è successo a Vanessa Guillén, ha detto il presidente nazionale del LULAC Domingo Garcia durante una conferenza stampa a luglio.

Con i riflettori nazionali sul suo caso, #IAmVanessaGuillen era di tendenza sui social media in cui le donne nell'esercito condividevano le proprie esperienze di molestie sessuali durante il loro arruolamento. Il Io sono Vanessa Guillén Act è un disegno di legge bipartisan volto a creare un sistema di segnalazione più riservato. Inoltre, renderebbe le molestie sessuali all'interno dell'esercito un crimine punibile e consentirebbe ai sopravvissuti di molestie sessuali o aggressioni di presentare richieste di risarcimento all'interno del Dipartimento della Difesa.

Visualizza questo post su Instagram

OGGI DOMANI E IL PROSSIMO DOPO FINO A QUANDO SI DICE LA VERITÀ E SI CONQUISTA LA GIUSTIZIA. #Repost @steveabc13 — PER VANESSA La famiglia e i sostenitori hanno in programma di radunarsi di nuovo oggi a Houston a sostegno dell'I Am Vanessa Guillen Act. Saranno sui ponti di Montrose lungo Dunlavy Street alle 17:00. @findvanessguillen. . . #abc13 #iamvanessguillen #vanessaguillen

Un post condiviso da California4Vanessa Guillen (@california4vanessaguillen) il 14 ottobre 2020 alle 14:29 PDT

Il fatto è che Vanessa Guillén potrebbe essere chiunque di noi, una qualsiasi delle nostre latine e donne che prestano servizio nell'esercito, del tutto inaccettabile che sia successo, ha detto il CEO di LULAC Sindy M. Benavides durante una conferenza stampa a luglio.

Secondo un rapporto dell'Associated Press, Guillén è uno dei 28 soldati di stanza alla base dell'esercito americano Fort Hood che è morto finora quest'anno, sulla base dei dati forniti dai funzionari di Fort Hood.