Vogue Messico onora le donne indigene per la copertina del suo 20° anniversario

Foto: Unsplash/@larhaenny


Negli ultimi vent'anni, Vogue Messico e America Latina ha portato l'alta moda alle masse, ma solo di recente hanno fatto un cambiamento drammatico e toccante. Alla fine dell'anno scorso, hanno messo Roma attrice, Yalitza Aparicio, sulla copertina della sua rivista , e il la risposta è stata palpabile . Ora, sulla copertina del 20° anniversario della rivista, stanno ancora una volta mettendo in bella mostra le donne indigene.

La rivista sta pubblicando sei bellissime copertine, tutte con la loro storia unica, e tre di esse presentano donne indigene provenienti da varie parti dell'America Latina.

Visualizza questo post su Instagram

Che copertina meravigliosa @voguemexico

Un post condiviso da Yalitza Aparicio Martinez (@yalitzaapariciomtz) il 3 ottobre 2019 alle 5:22 PDT

Quando viaggio attraverso l'America Latina, mi viene sempre chiesto cosa Voga sta facendo per aprire la strada alle donne agli spazi di lavoro e prevenire gli stereotipi sessisti. Karla Martínez de Salas, Direttore Editoriale di Vogue Messico e America Latina , scrive sulla rivista. Spero che le storie che presentiamo in questa edizione dell'anniversario ispirino le donne a sognare in grande, a iniziare con piccoli cambiamenti e, soprattutto, a connettersi con le proprie radici , accettandone la bellezza unica e celebrandone l'originalità.

Una delle nostre copertine preferite è quella di Abigail Mendoza, una famosa chef zapoteca di Oaxaca seduta sui gradini circondata da un gruppo di donne Oaxaca. Il suo cibo rende omaggio alle tradizioni degli zapotechi, un popolo indigeno del Messico. Mendoza è una rinomata chef e proprietaria del suo ristorante a Tlamanalli, che il New York Times ha chiamato uno dei migliori al mondo .


L'arte culinaria della cuoca tradizionale di Oaxaca, #AbigailMendoza, è diventata uno standard di rispetto per la tradizione e la sua veemenza per #culturazapoteca l'ha trasformata in un'insegnante ed esempio di saggezza e passione, ha scritto la rivista sulla loro pagina Instagram.

Un'altra straordinaria copertina ha quattro donne indigene boliviane, conosciute come Las Cholitas.

A più di seimila metri di altezza, Las Cholitas, alpinisti della Bolivia, sono un esempio di forza e convinzione la cui eco risuona in tutto il mondo. Viaggiamo alle pendici di Huayna Potosí, una montagna situata a nord-ovest della Bolivia, per conoscere la vita di queste donne ispiratrici.

Visualizza questo post su Instagram

1 di 5 A più di 6.000 metri di altezza, come per raggiungere le nuvole, i #cholitasclimbers sono un esempio di forza e convinzione la cui eco risuona nelle alte montagne della #Bolivia, in America Latina e nel mondo intero. [LINK IN BIO] Viaggiamo in tutta l'#America Latina alla ricerca di storie di donne protagoniste che valorizzano la ricchezza della nostra regione, rendendo omaggio alle vere leader dei nostri tempi. Cinque storie di coraggio, che uniscono la forma alla funzione, la forza allo stile e il potere allo scopo. Una celebrazione autentica che riflette il sentimento di una cultura. Donne che sognano in grande e infrangono le barriere del convenzionale. Celebriamo la #latinawoman in tutte le sue sfaccettature! Come titolo editoriale, cerchiamo che il nostro messaggio abbia una portata tale, che raggiunga l'interesse di tutti e, allo stesso tempo, possa aprire uno spazio in cui ogni realtà è inclusa, dalle grandi città alle comunità originarie di la nostra America. GRAZIE per essere parte di ogni storia, di questo viaggio attraverso 20 anni di godere di ogni angolo colorato e affascinante dell'America Latina! #Vogue20 @voguemexico Trova la rivista SPECIAL EDITION ORA nei punti vendita in America Latina e la versione digitale su zinio.com Fotografia: @yumnaaa Produzione: @iconoclast.tv Direzione creativa: @lookstudiosnyc Grazie: @lapazciudaddelcielo @dabbolivia @joseforteza

Un post condiviso da Vogue Messico e America Latina (@voguemexico) il 2 ottobre 2019 alle 7:45 PDT

Martínez de Salas ha detto che sta pianificando questa edizione dell'anniversario da mesi. Ha ricordato che il suo più grande rimpianto ai tempi della rivista è di aver avuto Aparicio solo sulla copertina del Messico e non sul numero dell'America Latina. Ha detto che temeva che la gente pensasse che fosse troppo messicano e non avrebbe esteso la sua portata ad altre parti dell'America Latina.

Ho appreso che il pubblico vuole che la nostra copertina proietti diversi tipi di bellezza, mostrando così tutte le donne della regione.

Sì, lo facciamo.

Articoli Interessanti