#Women2Watch: 5 poesie di potenti scrittori latini

Foto: Wikimedia Commons/CcowardAna Castillo

Sii forte il giorno post-elettorale. Qui a HipLatina, notiamo che spesso la società dimentica che le donne sono resilienti e degne di uguale rispetto. Ecco 5 poesie di potenti scrittori latini per ricordarti la tua forza di donna.

Le donne non sono rose di Ana Castillo

Una forza potente nel mondo letterario, scrittore messicano-americano Ana Castillo ha scritto alcuni libri incredibili come Le lettere Mixquiahuala e Così lontano da Dio . Questa poesia smantella il mito secondo cui le donne sono delicate e mistiche.

Qui di Sandra María Esteves

https://www.pinterest.com/pin/166844361166665341/


Sandra María Esteves, poetessa portoricana-dominicana e nata nel Bronx, è una delle fondatrici del movimento nuyoricano. Ha pubblicato sei raccolte di poesie e ha svolto programmi letterari presso il Caribbean Cultural Center e El Museo del Barrio. Qui è una poesia sulla doppia identità.

Le nonne di Diane de Anda

La scrittrice chicana Diane de Anda di Los Angeles ha pubblicato le sue poesie sul giornale chicano El Grito, ha scritto tre libri illustrati bilingue e tre raccolte di racconti per giovani lettori. È professoressa per il Dipartimento di previdenza sociale dell'UCLA. nonne è un omaggio alla nonna dell'autore ma anche un inno alle donne anziane forti che contribuiscono in modo significativo al presente e hanno svolto ruoli importanti in passato.

Di dove sei? di Gina Valdés

Gina Valdés, scrittrice originaria di Los Angeles e chicana, è un master in lingua, letteratura e culture, di cui ha insegnato nelle principali università di San Diego. Di dove sei? riguarda la dualità nella nazionalità e nell'identità. Valdés dà un senso di spostamento ma capisce di essere in mezzo a due identità.

Trovare casa dal Carolina Hospital


Poeta e saggista di origine cubana, cresciuto a Miami, il Carolina Hospital ha scritto e pubblicato un romanzo e molte storie e poesie. Insegna inglese al Miami-Dade Community College. Trovare casa parla dell'assimilazione e del comfort dell'autore a casa con l'America e della sbiadita familiarità con il suo paese d'origine.