L'aspetto di Plaza Sésamo di Yalitza Aparicio è ciò di cui ogni giovane ragazza bruna ha bisogno

Foto: Instagram/cinematropicale


Per molte giovani latine marroni come me, di origine afro-latina o indigena, trovare stelle in televisione o nei film – anche programmi in lingua spagnola – con persone che ci somigliavano non capitava spesso. Le poche latine che vedevamo a Hollywood o anche nei romanzi messicani erano spesso di passaggio di bianchi, motivo per cui l'apparizione speciale di Yalitza Aparicio su Via del sesamo (La versione spagnola di Via del sesamo ) in occasione della Giornata internazionale della donna è stato molto importante.

Per decenni abbiamo avuto Maria, una donna portoricana dalla pelle scura con i capelli naturalmente ricci Via del sesamo , interpretato da Sonia Manzano ed è stato significativo per molti di noi. Per molte giovani latine, infatti, il personaggio di Manzano è stata la prima latina in televisione a farle sentire riflesse e viste. La recente apparizione di Aparicio è stata altrettanto significativa.

Nel breve segmento, Aparicio è visto con il muppet, Abby Cadabby. I due hanno avuto un dialogo adorabile e stimolante sull'importanza di seguire i propri sogni. Il consiglio di Aparicio al burattino era quello che molte giovani latine avrebbero potuto trarre vantaggio dall'udito,

Se credi in te stesso e lavori davvero sodo, sarai in grado di realizzare tutti i tuoi sogni, ha detto.

Visualizza questo post su Instagram

Yalitza in Sesame Street! #YalitzaAparicio #PlazaSesamo

Un post condiviso da Cinema tropicale (@cinematropical) l'8 marzo 2019 alle 20:40 PST


Il ruolo di Aparicio nel film premio Oscar Roma, diretto dal regista messicano Alfonso Cuarón, è stato importante per molte latine, in particolare per gli indigeni messicani. L'ex studentessa universitaria la cui vita è cambiata dopo aver partecipato a un casting nella sua città natale di Tlaxiaco, in Messico, non pensava che le persone che le somigliassero avrebbero mai potuto ottenere un ruolo da protagonista in un film. Non solo la sua performance ha stupito la gente, portando alla fine a una nomination all'Oscar, ma anche ad Aparicio divenne la seconda attrice messicana e la prima donna indigena essere nominato per un Oscar.

Anche lei atterrato sulla copertina di Vogue Messico , qualcosa che Aparicio non si aspettava – spesso diceva da piccola che aveva il colore sbagliato. La sua apparizione su quella rivista è stata per molti versi una pietra miliare per una latina di discendenza indigena. Ma il suo successo ha significato molto per così tante latine dalla pelle scura che altrimenti non avrebbero visto le latine che assomigliano a loro sulla copertina delle riviste di moda. In molti modi l'ha resa un modello per le donne e gli indigeni in Messico.

Visualizza questo post su Instagram

Che bella esperienza, lavoro fantastico ragazzi @voguemexico Fotografia: @santiagoandmauricio Styling: @pamelaocampo Produzione: @re_montemayor Direttore editoriale: @karlamartinezdesalas @romacuaron

Un post condiviso da Yalitza Aparicio Martinez (@yalitzaapariciomtz) il 17 dicembre 2018 alle 15:48 PST

Non dovrebbe importare cosa ti piace, come sembri — puoi ottenere tutto ciò a cui aspiri, ha detto e ha assolutamente ragione. Non dovrebbe importare, ma sfortunatamente viviamo in una società, in un mondo, dove è ancora così. Anche i colleghi messicani hanno crudelmente criticato Aparicio per la sua pelle marrone e i suoi lineamenti indigeni. Proprio la scorsa settimana, la comica messicana Yeka Rosales ha pensato che fosse giusto fare una scenetta nello show La parodia , prendendo in giro Aparicio. Nella scenetta, si vede Rosales con il suo viso dipinto di marrone mentre dondola un ampio naso protesico . Non solo era inquietante, ma serviva anche come prova del problema del colorismo che esiste ancora molto all'interno della comunità Latinx.

Le bambine brune hanno bisogno di vedere di più Aparicio in televisione, al cinema, a teatro e sulle copertine delle riviste, per ricordare loro che in effetti sono belle, degne di essere viste, degne di essere ascoltate, rispettate e apprezzate.

Articoli Interessanti